Profumo di caffè

Profumo di caffè: storia di un tricolore dal sapor di amicizia

Profumo di caffè, quell’intenso aroma di passione necessario a ricostruire un ricordo mancante, mentre un flashback si tinge di dolcezza

 

Profumo di caffè. È l’estate del 2006, l’Italia festeggia la coppa del mondo conquistata a Berlino contro la Francia. Alessandro e Serena, fratello e sorella, tornano nella vecchia casa di famiglia, subito dopo la scomparsa della madre. La casa è chiusa da anni, tra polvere e rottami riaffiorano vecchi ricordi di un’estate di molti anni prima che Serena trascorse con 2 amiche, in età adolescenziale. Con l’aiuto di un vecchio diario ritrovato in un cassetto, Serena inizia così a raccontare quei momenti tra flashback e ritorno al presente, aiutando Alessandro a ricostruire una parte del suo passato, unico assente in famiglia, in quell’assolata estate di molti anni prima.

 

SCARICA QUI IL TESTO TEATRALE

 

SINOSSI

Il presente ed il passato si alternano in quella che è una storia di amicizia dei 13 anni, dell’età adolescenziale dove le emozioni si amplificano restando per sempre nella mente e nel cuore. L’età più bella e più difficile, la più spensierata, dove i mesi estivi trascorrono lenti, tra sole, vacanze e nuove scoperte. La famiglia farà il resto, tra le coccole di una mamma premurosa e le battute di un padre troppo scomodo e banale per tre ragazzine in avanscoperta della vita. Sullo sfondo, un passato da ricostruire attraverso le pagine di un diario, il mezzo migliore per aiutare la memoria a tener sempre vive le immagini più belle o più dolorose della nostra esistenza.

LA PRIMA IN SCENA

Scritto da Alessandro Sgamma. La storia ha visto il palcoscenico la prima volta nel 2018, 7 i personaggi coinvolti in due situazioni temporali differenti, distanti dagli anni che caratterizzeranno tutta la storia e l’emotività di ogni personaggio, costruito secondo le differenze tra la vita dei primi anni 80 e quella attuale ma sempre con grande leggerezza familiare.

SCARICA ANCHE:

UNA RAGAZZA DI PROVINCIA

QUATTRO ASSI

I GIORNI PIÙ BELLI

L’ULTIMO RE DI SPADE

REGALAMI UN ULTIMO ABBRACCIO

LA MIA PROSSIMA VITA

VENTICINQUE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.