Sonno notturno

Sonno notturno: poesia dedicata alle profondità della notte

Sonno notturno, poesia dedicata alla notte, all’oscurità e alla profondità delle ore più buie e silenzione. Lente come lo scorrere incessante del tempo

Sonno notturno, una poesia che riporta alla pace e alla quiete della notte, dove tutto si ferma per fare spazio al sogno, al contatto umano con le figure della nostre mente. Perdersi nelle ore più buie equivale a lasciarsi trasportare da un silenzio immenso ed infinito, attraverso desideri verso i quali non esiste paura. Il sole che scalda la notte arriva rovente a regalar momenti di pura, lucida follia.

Sonno, dell’oscurità d’un tempo baciato dal mar dell’ignoto,

fugace apparir d’un desiderio nascosto al più grande buio d’oltre orizzonte.

Sogno che culli la notte del dolce servir la vita a me cara,

splendi di un sole rovente al giallo intendere il tuo inganno felice, dagli occhi sbarrati.

Lento lo scorrere del tempo mentre sovente, un viso riappare cercando la forma, la voce e il colore. Ti lascio un messaggio, fanne tesoro nei giorni futuri,

tra un’alba e un tramonto,

tra un certo ed un forse, tra uno spiraglio di luna ed un abbaglio di sole.

Parole che dissero al cuor: non ti scordar che in sogno,

il respiro si calma ma la vita è più rosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.