Una ragazza di provincia

Una ragazza di provincia: storia di una Roma diversa

Una ragazza di provincia, storia di una Roma differente, segnata dal tempo e da un senso poetico smarrito negli anni

Una ragazza di provincia. Roma, 1983. Una giovane studentessa scompare improvvisamente senza lasciare traccia, in seguito e per tanti anni ancora, il suo nome verrà accostato ai più grandi intrighi del malaffare capitolino che vedrà coinvolti anche stato italiano e Chiesa cattolica. Mirella, una donna forte e sensibile, aspirante attrice, ne racconterà la storia, calandosi nei panni della quindicenne, tralasciando tutte le ipotesi peggiori conclamate negli anni e svelando con tanta dolcezza, il lato umano ed artistico di un’adolescente innamorata della vita. Sullo sfondo gli ultimi istanti di un boss, costretto a scappare e a ripiegare sull’unico amico in grado di salvargli la vita.

IN SCENA TRE VOLTE

“Una ragazza di provincia” è andato in scena tre volte, dopo il debutto milanese a Teatro Libero, Alessandro Sgamma nel ruolo di Fabrizio, Giorgio Precuzzi nei panni dell’amico Claudio e Pamela Radaelli hanno raccontato la storia di Mirella, compagna del boss e di Emanuela, voce e cuore di tante ragazze scomparse nel nulla e mai più ritrovate, al Teatro Nuovo di Cannobio. Il testo è scritto e diretto da Alessandro Sgamma.

 

SCARICA QUI IL TESTO TEATRALE

SCARICA ANCHE:

QUATTRO ASSI

PROFUMO DI CAFFÈ

I GIORNI PIÙ BELLI

L’ULTIMO RE DI SPADE

REGALAMI UN ULTIMO ABBRACCIO

VENTICINQUE

LA MIA PROSSIMA VITA

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.